2016/03/31

31 marzo: nasce Petrone; atterraggio STS-76, rientro Explorer 1, fine Pioneer 10; scoperto Makemake; record EVA femminile; SES-10 "rivola"

1926/03/31


Nasce ad Amsterdam, nello Stato di New York, Rocco Petrone, figlio di immigrati italiani. Contribuirà allo sviluppo del razzo Redstone che renderà possibili i primi voli suborbitali umani degli Stati Uniti. Diventerà direttore delle operazioni di lancio presso il Kennedy Space Center dal 1966 al 1969 e poi direttore del programma Apollo, durante un periodo di attività astronautica intensissimo che culminerà con il primo sbarco umano sulla Luna, per poi dirigere i programmi spaziali con equipaggi presso il Marshall Space Flight Center. Si spegnerà il 24 agosto 2006, a 80 anni [NASA].

Rocco Petrone davanti a un Saturn V. Credit: NASA.


1970/03/31


Rientra nell’atmosfera, disintegrandosi, il satellite Explorer 1, primo satellite lanciato dagli Stati Uniti, rimasto nello spazio per 12 anni, durante i quali ha effettuato oltre 58.000 orbite intorno alla Terra [NHO; NASA].


1996/03/31


Atterraggio dello Shuttle Atlantis al termine della missione STS-76, la terza a visitare la stazione russa Mir [NHO; SFN].

Atlantis si posa sulla pista alla base militare Edwards in California.


1997/03/31 – Pioneer 10, fine missione


Termina dopo 25 anni la missione scientifica della sonda Pioneer 10, lanciata nel 1972 e progettata per una vita operativa di 650 giorni (ne durerà invece oltre 9000). Il suo viaggio nello spazio, il primo di una sonda diretta a visitare Giove, prosegue silenzioso verso la stella Aldebaran, a circa 68 anni luce; ci metterà oltre 2 milioni di anni a raggiungerla [NASA; NHO].


2005/03/31 – Scoperta del pianeta nano Makemake


Viene scoperto il pianeta nano Makemake, che ha un diametro di circa 1400 chilometri e orbita a quasi otto miliardi di chilometri dal Sole, impiegando quasi 310 anni per effettuare un’orbita completa.


2017/03/31 – Nuovo record femminile di EVA


L’astronauta statunitense Peggy Whitson completa la propria ottava “passeggiata spaziale”, battendo il record precedente che deteneva insieme a Sunita Williams e totalizzando 59 ore di EVA [RaiNews].


2017/03/31 – SpaceX fa “rivolare” per la prima volta un Falcon 9


Per la prima volta nella storia dell’esplorazione spaziale, il primo stadio di un razzo orbitale che ha già volato nello spazio viene usato di nuovo per mettere in orbita un satellite e rientra una seconda volta atterrando verticalmente: un Falcon 9 di SpaceX decolla dal Kennedy Space Center e colloca in orbita geostazionaria il satellite per telecomunicazioni SES-10, usando un primo stadio “riciclato”, che aveva già volato ad aprile 2016. Questo primo stadio rientra verticalmente e atterra sulla nave appoggio Of Course I Still Love You nell’Oceano Atlantico.




Viene inoltre pubblicata per la prima volta una foto scattata dall'interno della carenatura aerodinamica del vettore. SpaceX sta tentando di reuperare anche questa parte del veicolo, che è molto costosa (circa 6 milioni di dollari).



Il riutilizzo dei primi stadi dei vettori spaziali, secondo i piani di SpaceX, dovrebbe consentire una grandissima riduzione dei costi di lancio rispetto ai vettori monouso.


Fonti: Astronautinews; BBC.

2016/03/30

30 marzo

1957/03/30


Nasce a Mitischi, nella regione di Mosca, Elena V. Kondakova. Verrà selezionata come cosmonauta nel 1989 e volerà nello spazio nel 1994 a bordo della Soyuz TM-17 come ingegnere di volo, raggiungendo la stazione spaziale Mir e trascorrendo 169 giorni nello spazio. Tornerà nello spazio come specialista di missione nel 1997 con lo Shuttle statunitense (STS-84), visitando di nuovo la Mir. In totale trascorrerà nello spazio oltre 178 giorni [NASA].


1961/03/30


Il pilota collaudatore statunitense Joe Walker porta l’aereo-razzo X-15 alla quota di 169.000 piedi (50 km) [NHO].


1981/03/30


Rientro e atterraggio della Soyuz-39, che riporta sulla Terra Vladimir Dzhanibekov e Jügderdemidiin Gürragchaa [SSA; Spacefacts].

Mar30-1981_Soyuz39landing.jpeg

Gürragchaa (a sinistra) e Dzhanibekov (a destra) dopo l’estrazione dalla Soyuz-39.


1982/03/30


Rientro dello Shuttle Columbia, con a bordo Gordon Fullerton e Jack Lousma, al termine della missione STS-3. Sarà l’unico volo ad atterrare sulla pista di White Sands, in New Mexico, saturando il velivolo di polvere finissima che continuerà a riemergere dagli anfratti più imprevisti in tutti i voli successivi del Columbia.

L’atterraggio è caratterizzato dall’estrazione del carrello completata solo due secondi prima del contatto con il suolo, a causa di un’insolita impostazione dei criteri di azionamento (basati per questa volta sulla velocità invece che sulla quota), dal taglio parziale di uno degli pneumatici e da una “impennata” nella quale il Columbia, dopo aver appoggiato il carrello posteriore e anteriore, risolleva bruscamente il muso, dando l’impressione che stia per cappottare o rialzarsi da terra [video; SSA; NASA; AmericaSpace].

Mar30-1982_STS-3landing.jpeg

Columbia effettua l’unico atterraggio a White Sands di tutto il programma Shuttle.


1993/03/30


Lancio da Cape Canaveral del SEDS-1 (Small Expendable Deployer System), un dispositivo agganciato a un secondo stadio di un vettore Delta e attivato dopo che il razzo ha completato la propria missione primaria (collocare in orbita terrestre il satellite GPS-2A 10).

Il SEDS-1 effettua il primo esperimento di “satellite al guinzaglio” (tethering), srotolando un cavo lungo 20 km con un diametro di 0,75 mm, in fondo al quale è agganciata una massa di 23 kg. Il cavo si tende spontaneamente in verticale per via della differenza di forza di gravità fra i suoi due capi [Satellite Encyclopedia; Astronautix; NHO; Gunter’s Space Page].


2006/03/30


Decollo da Baikonur della Soyuz TMA-8, che porta in orbita terrestre Pavel Vinogradov (comandante), Jeff Williams (ingegnere di volo) e Marcos Pontes (astronauta privato), che diventa il primo brasiliano ad andare nello spazio. Due giorni più tardi il veicolo attraccherà alla Stazione Spaziale Internazionale, dove Vinogradov e Williams resteranno per 182 giorni mentre Pontes si fermerà a bordo per 9 giorni [Spacefacts; Russian Space Web].

Mar30-2006_SoyuzTMA8-marco-pontes.jpg

Da sinistra: Marco Pontes, Pavel Vinogradov e Jeff Williams.

2016/03/29

29 marzo

1807/03/29


L’astronomo Heinrich Olbers scopre l’asteroide Vesta, che verrà visitato dalla sonda Dawn nel 2011 [NHO].


1974/03/29


La sonda Mariner 10 diventa il primo veicolo spaziale a visitare il pianeta Mercurio e contemporaneamente diventa anche il primo a visitare due pianeti, avendo già raggiunto Venere due mesi prima [NASA; Universe Today].

Mar29-1974_Mariner10_Mercury_732.jpg

L’emisfero sud di Mercurio in un mosaico delle fotografie scattate da Mariner 10 durante il suo passaggio vicino al pianeta il 29 marzo 1974 [NASA].

2016/03/28

28 marzo

1946/03/28


Nasce ad Almelo, Paesi Bassi, Wubbo J. Ockels. Diventerà il primo astronauta olandese: volerà nello spazio nel 1985 a bordo dello Shuttle Challenger per la missione STS-61A, la prima a trasportare otto membri d’equipaggio [NASA].


1963/03/28


Lancio suborbitale del razzo Saturn SA-4 per una missione di collaudo del primo stadio del Saturn I [NHO].


2009/03/28


Atterraggio dello Shuttle Discovery al termine della missione STS-119, che ha aggiunto alla Stazione Spaziale Internazionale l’ultimo dei suoi grandi pannelli solari gemellati (il Solar Array ITS-P6) [NHO; SSA].


2013/03/28 20:43 UTC


Lancio della Soyuz TMA-08M, che porta alla Stazione Spaziale Internazionale Pavel Vinogradov, Alexander Misurkin e Christopher Cassidy. Per la prima volta un volo con equipaggio adotta un profilo di missione che consente di attraccare alla Stazione in circa sei ore invece dei consueti due giorni. Questo profilo era già stato collaudato con veicoli cargo Progress [NSF; NHO; SSA; Russian Space Web; Spacefacts]

2016/03/27

27 marzo

1962/03/27


Hugh Dryden, vicedirettore della NASA, incontra per la prima volta a New York la sua controparte sovietica, Anatoli Blagonravov, per discutere una possibile cooperazione nello spazio fra Stati Uniti e Unione Sovietica. Questo incontro e i successivi porteranno al primo Accordo Dryden-Blagonravov [NASA].


1968/03/27


Muore in un incidente aereo nei pressi di Mosca Yuri Gagarin, primo cosmonauta della storia. Le cause esatte dell’incidente resteranno un mistero per 45 anni, fino al 2013, quando finalmente il collega Alexei Leonov riceverà il permesso delle autorità di divulgarle: un caccia supersonico Su-15 ha volato per errore troppo vicino al caccia MiG-15 pilotato da Gagarin insieme all’istruttore Vladimir Seryogin (anche lui perito nell’incidente), creando una turbolenza che ha indotto un avvitamento (tailspin) irrecuperabile e fatale del MiG. Leonov non rivelerà il nome del pilota che causò l’incidente, ancora vivo al momento della divulgazione [GA; Space.com].


1969/03/27


Lancio della sonda statunitense Mariner 7, diretta verso il pianeta Marte [NASA].


1972/03/27


Lancio da Baikonur della sonda sovietica Venera 8, diretta verso Venere. 117 giorni più tardi raggiungerà la propria destinazione e sgancerà un modulo di discesa che entrerà nell’atmosfera venusiana, scoprendo che la temperatura al suolo sul pianeta è di circa 470°C e che la pressione atmosferica è circa 90 volte superiore a quella terrestre. La sonda toccherà il suolo e continuerà a trasmettere dati per 63 minuti prima di essere sopraffatta dalle condizioni ambientali [NASA].


1999/03/27


La società Sea Launch Co., un consorzio di quattro società della Norvegia, della Russia, dell’Ucraina e degli Stati Uniti gestito dalla Boeing, lancia un satellite dimostrativo da una piattaforma marina galleggiante [Space.com; Space Today; SpaceNews].


2015/03/27


Decollo della Soyuz TMA-16M, che porta Gennady Padalka, Mikhail Kornienko e Scott Kelly alla Stazione Spaziale internazionale. Kornienko e Kelly resteranno a bordo della Stazione per 340 giorni e Kelly stabilirà un nuovo record statunitense di durata di una singola missione [GA].

2016/03/26

26 marzo

1958/03/26


L’esercito statunitense lancia da Cape Canaveral il satellite Explorer 3, che conferma l’esistenza di fasce di radiazioni intorno alla Terra [NASA].


1962/03/26


Nasce a Elanets, nella regione di Mykolaiv, in Unione Sovietica (oggi Ucraina), Yuri Pavlovic Gidzenko. Andrà nello spazio nel 1995 con la Soyuz TM-22 per 179 giorni a bordo della stazione spaziale Mir; nel 2000, con il volo della Soyuz TM-31, sarà membro del primo equipaggio residente della Stazione Spaziale Internazionale, rientrando sullo Shuttle Discovery, trascorrendo in tutto 140 giorni nello spazio; e nel 2002 volerà con la Soyuz TM-34, insieme all’italiano Roberto Vittori e al sudafricano Mark Shuttleworth, verso la Stazione, aggiungendo altri 9 giorni nello spazio, per un totale di 329. Effettuerà anche due passeggiate spaziali, per un totale di 3 ore e 43 minuti [NASA; NHO; Energia].


1969/03/26


Lancio dal poligono di Plesetsk, a bordo di un vettore R-7, di Meteor 1, primo satellite meteorologico sovietico; pesa 3800 kg e orbita a una quota fra 549 e 576 km con un’inclinazione di 81,2 gradi. Ricadrà sulla Terra esattamente 43 anni dopo, il 26 marzo 2012 [Astronautix; Sputnik News].


2008/03/26


Rientro notturno dello Shuttle Endeavour al termine della missione STS-123 che ha consegnato alla Stazione Spaziale Internazionale il modulo Kibo e il braccio robotico Dextre [NHO].


2009/03/26


Decollo da Baikonur della Soyuz TMA-14, che porta a bordo il cosmonauta russo Gennady Padalka, l’astronauta statunitense Michael Barratt e l’ungherese Charles Simonyi, primo turista spaziale a effettuare due voli nello spazio [GA; GA].


2010/03/26


La sonda Mars Express scatta questa straordinaria immagine del satellite marziano Phobos [Planetary Society].

Mar26-2010_20130714_phobosND_img_f840.jpg

Credit: ESA/DLR/FU Berlin (G. Neukum).


2016/03/26


L’Agenzia Spaziale Giapponese (JAXA) perde i contatti con il suo nuovo satellite per l’astronomia a raggi X Hitomi, collocato in orbita intorno alla Terra alla quota di circa 580 km poche settimane prima (il 17 febbraio 2016). Le osservazioni del Joint Space Operations Center dello Strategic Command statunitense segnalano che il satellite si era frammentato prima del 26 marzo [JAXA; JSpOC; National Geographic; Ars Technica].

2016/03/25

25 marzo

1928/03/25


Nasce a Cleveland, in Ohio, Jim Lovell (James Arthur Lovell, Jr.). Verrà selezionato come astronauta dalla NASA nel 1962 e diventerà pilota di riserva della missione Gemini 4, comandante di riserva della Gemini 9 e di Apollo 11; volerà nello spazio per la prima volta nel 1965, a bordo della Gemini 7 insieme a Frank Borman, effettuando il primo rendez-vous fra due veicoli spaziali con equipaggi.

Lovell tornerà nello spazio nel 1966 con la Gemini 12 insieme a Edwin "Buzz" Aldrin e di nuovo nel 1968, insieme a Borman e a William Anders, per Apollo 8, il primo volo dell’umanità intorno alla Luna e il primo volo con equipaggio lanciato da un Saturn V. Il suo quarto volo spaziale avverrà nel 1970, con la missione Apollo 13 (insieme a John Swigert e Fred Haise), diventando il primo essere umano a viaggiare due volte verso la Luna.

Come comandante di Apollo 13 sarà candidato a camminare sulla Luna insieme a Haise, ma una grave avaria durante il viaggio di andata obbligherà la missione a un drammatico ritorno d’emergenza. Le sue 715 ore complessive di volo spaziale stabiliranno un record che durerà fino alle missioni Skylab nel 1973 [NASA; Space.com].


1961/03/25


Decollo della Korabl-Sputnik 5, che porta nello spazio e riporta sano e salvo a terra il cane Zvezdochka. A bordo c’è anche un manichino che simula un astronauta e viene espulso dalla capsula dopo il rientro e prima dell’atterraggio: il volo è una prova generale della missione Vostok 1 che porterà per la prima volta un essere umano nello spazio [NHO].


1975/03/25


Inizia la fabbricazione dello Shuttle Columbia, il primo in grado di raggiungere lo spazio. L’esemplare precedente, Enterprise, era privo di motori e rivestimento termico ed era stato costruito esclusivamente per i collaudi di planata e le verifiche dimensionali degli impianti a terra [NSF].


1992/03/25 9:31 IT


Rientra a terra Sergei Krikalyov, reduce da 311 giorni trascorsi nello spazio a bordo della stazione spaziale Mir. È rimasto intrappolato a bordo della stazione per diversi mesi in più del previsto a causa del collasso definitivo dell’Unione Sovietica, già scricchiolante alla sua partenza.

Mar25-1992_krikalev-official.jpg

Sergei Krikalyov all’epoca della sua insolita missione: si nota uno scorcio della bandiera sovietica sul braccio della tuta. Credit: Claude Lafleur.

Dopo il suo decollo con la Soyuz TM-12 il 18 maggio 1991, insieme al russo Anatoly Artsebarsky e alla britannica Helen Sharman (vincitrice di un concorso commerciale), per raggiungere la Mir per una permanenza prevista di circa sei mesi, in Unione Sovietica si è verificato un colpo di stato ad opera di membri conservatori del Partito Comunista, del KGB e delle forze armate, culminato con l’arresto del presidente Gorbaciov e con l’attacco militare alla sede del parlamento e poi fallito (19-21 agosto 1991); il Partito Comunista che imperava nel paese è stato sciolto per decreto (24 agosto 1991); dieci delle repubbliche che componevano l’Unione Sovietica hanno dichiarato la propria indipendenza (agosto-dicembre 1991); Russia, Ucraina e Bielorussia hanno costituito la Comunità degli Stati Indipendenti (12 dicembre 1991), alla quale hanno poi aderito altre otto repubbliche ex sovietiche (21 dicembre 1991); in un solo giorno, Gorbaciov si è dimesso ed è stato rimpiazzato da Boris Yeltsin, l’Unione Sovietica ha cessato di esistere, la Repubblica Socialista Sovietica Russa è stata rinominata Federazione Russa e la bandiera rossa con falce e martello dell’Unione Sovietica è stata tolta dal Cremlino e sostituita con il tricolore russo (25 dicembre 1991). La città dove Krikalyov è cresciuto non si chiama più Leningrado ma San Pietroburgo.

Come se tutto questo non bastasse, uno dei voli spaziali che doveva contribuire al ricambio dell’equipaggio della stazione (Soyuz TM-13A) è stato annullato (Helen Sharman è tornata sulla Terra il 26 maggio 1991 con la Soyuz TM-11 insieme a Viktor Afanasiyev e Musa Manarov, che erano già a bordo della Mir). Inoltre il cosmodromo sovietico di Baikonur dal quale sarebbero dovuti partire i voli di ricambio è finito di colpo nel territorio di uno stato indipendente (la Repubblica del Kazakistan, ex Repubblica Socialista Sovietica Kazaka), che ha preteso di essere pagato lautamente per l’uso della base spaziale.

La Federazione Russa, disperatamente a corto di finanziamenti, ha inoltre scelto di farsi pagare 7 milioni di dollari per portare nello spazio l’austriaco Franz Viehböck sulla Soyuz TM-13 e ha ottenuto uno sconto dal governo kazako mettendo sullo stesso volo di Viehböck il primo cosmonauta-ospite kazako (Toktar Aubakirov) al posto di Alexander Kaleri, l’ingegnere di volo che avrebbe dovuto sostituire Krikalyov. Aubakirov e Viehböck sono arrivati sulla Mir con la Soyuz TM-13 il 4 ottobre 1991, insieme al comandante russo Aleksander Volkov, e sono rientrati a terra otto giorni dopo, insieme ad Artsebarsky, usando la Soyuz TM-12 che sarebbe spettata a Krikalyov. Volkov è rimasto a bordo della Mir con Krikalyov.

Il tanto atteso ricambio di Krikalyov, Aleksander Kaleri, è arrivato alla Mir con la Soyuz TM-14 il 19 marzo 1992, insieme ad Aleksander Viktorenko e al tedesco Klaus-Dietrich Flade; sei giorni dopo (25 marzo 1992) Volkov, Flade e finalmente Krikalyov sono tornati a terra con la Soyuz TM-13.

La disavventura di Krikalyov ispirerà una popolarissima campagna pubblicitaria televisiva italiana della DeAgostini, che mostra proprio un astronauta sovietico che trova tutto cambiato al proprio rientro [The Story of Space Station Mir, David Harland, 2005, p. 209-210 e p. 289; Flight International, 1991; Astronautix; Spacefacts; Astronautix; NASA; spot De Agostini].


2002/03/25


La Cina lancia la Shenzhou 3, un vettore che trasporta una capsula per equipaggi, per un volo di collaudo senza equipaggio che effettua 107 orbite [NHO].


2014/03/25


Decollo della Soyuz TMA-12M, che porta alla Stazione Spaziale Internazionale Aleksandr Skvortsov (comandante), Oleg Artemyev (ingegnere di volo), Steven Swanson (ingegnere di volo) per una permanenza di 169 giorni [NHO; Spacefacts; Russian Space Web].

2016/03/24

24 marzo

1932/03/24


Nasce a Sluiskil, in Olanda, Lodewijk van den Berg. Volerà nello spazio nel 1985 con la missione STS-51B a bordo dello Shuttle Challenger, restando in orbita per 168 ore come specialista del carico [ESA; NASA; NHO; NASA].


1951/03/24


Nasce a Patuxent River, nel Maryland, Ken Reightler (Kenneth S. Reightler Jr.). Verrà selezionato dalla NASA come astronauta nel 1987 e volerà nello spazio nel 1991 con la missione Shuttle STS-48 e nel 1994 con la missione STS-60, la prima dello Shuttle con equipaggio misto russo e statunitense. Totalizzerà 327 ore nello spazio [NASA; Astronautix; Spacefacts].


1957/03/24


Nasce a Philadelphia, in Pennsylvania, Scott Horowitz (Scott J. “Doc” Horowitz). Verrà selezionato dalla NASA come pilota nel 1992 e andrà nello spazio nel 1996 (STS-75, Shuttle Columbia), nel 1997 (STS-82, Shuttle Discovery), nel 2000 (STS-101, Shuttle Atlantis) e nel 2001 (STS-105, Shuttle Discovery), totalizzando oltre 1138 ore nello spazio [NASA; NHO; Astronautix].


1965/03/24


La sonda statunitense Ranger 9 raggiunge la Luna e trasmette delle immagini televisive prima di schiantarsi nel cratere Alphonsus come previsto. L’ultima immagine viene acquisita a soli 600 metri dalla superficie, un quarto di secondo prima dell’impatto [video; NASA; NHO].


1979/03/24


Il primo Shuttle, Columbia, viene consegnato al Kennedy Space Center [SSA].

Mar24-1979_columbia-delivery-to-KSC.jpeg

Il Columbia viene trasportato dall’apposito Boeing 747 modificato della NASA.


1992/03/24


Decolla la missione STS-45: lo Shuttle Atlantis porta nello spazio il primo astronauta belga, Dirk Frimout [video post-volo; NHO; logo; GA; foto ESA].

2016/03/23

23 marzo

1912/03/23


Nasce a Wirsitz, in Germania (oggi Wyrzysk, in Polonia) Wernher von Braun. A tredici anni leggerà il libro di Hermann Oberth Die Rakete zu den Planetenräumen (“Il razzo nello spazio interplanetario”), che lo ispirerà a studiare matematica e fisica e a iscriversi alla Verein für Raumschiffarht (Associazione per i Viaggi Spaziali), dove diventerà assistente di Oberth nella sperimentazione dei razzi a propellente liquido. Studierà fisica e ingegneria meccanica e lavorerà per le forze armate tedesche, sviluppando i primi grandi razzi balistici, le V-2, che vengono usate dal 1942 per bombardare Londra e altri bersagli in Europa.

Alla fine della Seconda Guerra Mondiale, von Braun e l’intera squadra di sviluppo missilistico si arrenderanno alle truppe statunitensi insieme a un ingente bottino di razzi e documenti tecnici e verranno collocati in un centro di ricerca a Fort Bliss, in Texas, proseguendo lo sviluppo dei razzi V-2 e lanciandoli dal poligono militare di White Sands, nel New Mexico. Nel 1952 von Braun verrà trasferito a Huntsville, in Alabama, e diventerà direttore del programma dell’esercito statunitense per le armi balistiche, sviluppando i razzi Jupiter-C, Juno e Pershing.

Dopo il lancio a sorpresa dello Sputnik da parte dell’Unione Sovietica, von Braun e i suoi tecnici verranno trasferiti alla NASA e svilupperanno numerosi progetti missilistici, fra cui i grandi lanciatori Saturn I, IB e V che porteranno i primi esseri umani sulla Luna. Von Braun morirà il 16 giugno 1977, a 65 anni [Britannica; NASA; NASA].


1961/03/23


Decollo del veicolo sovietico Vostok 3KA-2, che porta nello spazio un fantoccio che simula un cosmonauta e un cane di nome Zvezdochka: è l’ultima prova generale prima del lancio del primo essere umano, Yuri Gagarin, con un veicolo spaziale identico. La Vostok 3KA-2 compie un’orbita intorno alla Terra e rientra vicino alla città sovietica di Izhvesk, riportando sano e salvo a Terra il proprio equipaggio [Reuters; Russian Space Web].


1965/03/23


Viene effettuata la missione statunitense Gemini 3, primo volo con equipaggio del progetto Gemini. A bordo della capsula ci sono Gus Grissom e John Young. La Gemini 3 compie tre orbite intorno alla Terra nel corso di un volo che dura complessivamente 4 ore, 52 minuti e 31 secondi e si conclude con un ammaraggio nell’Oceano Atlantico a circa 60 miglia dalla nave di recupero principale, la USS Intrepid.

La missione include il primo uso di un sistema di manovra per il controllo dell’assetto in orbita che rende la Gemini 3 il primo veicolo spaziale statunitense interamente manovrabile. L’orbita del veicolo viene cambiata durante il volo, rendendola ellittica e poi più circolare, per dimostrare le tecniche che verranno applicate nelle successive missioni di rendez-vous e di attracco.

Grissom diventa il primo americano a volare nello spazio due volte: la prima volta aveva volato con la Mercury MR-4, che era affondata dopo l’ammaraggio ed è stata l’ispirazione per il nome non ufficiale della capsula Gemini 3, ossia Molly Brown, con riferimento alla storia della “inaffondabile” Molly Brown, sopravvissuta all’affondamento del Titanic.

Young è autorizzato a mangiare del cibo spaziale appositamente preparato, mentre Grissom ha l’ordine di non mangiare niente. Ma circa due ore dopo il lancio Young estrae da una tasca della propria tuta spaziale un tramezzino non autorizzato: è un panino ripieno di corned beef (manzo lessato e conservato sotto sale), comprato per lui due giorni prima dal collega Wally Schirra (famoso per i suoi scherzi). Schirra lo aveva passato di nascosto a Young la mattina del lancio. 

Grissom ne prende un morso e poi decide di metterselo in tasca perché si sta sbriciolando e le briciole che fluttuano in assenza di peso possono essere un pericolo, per esempio annidandosi dietro un pannello comandi o volando negli occhi di un astronauta (il cibo ufficiale di Gemini 3 ha uno strato di gelatina proprio per evitare questi problemi).

L’esperimento non previsto dura in tutto una decina di secondi, ma è sufficiente a divertire l’opinione pubblica e a scatenare le ire dei politici al Congresso, spingendo la NASA a imporre norme severe su cosa gli astronauti possono portarsi a bordo [History.com; GA; NHO; NHO; NASA; CollectSpace; NASA; Spaceline.org].

Mar23-1965-gemini3-spacefood.jpg

Campioni di “cibo spaziale” preparati per la missione Gemini 3.


2001/03/23


La stazione spaziale russa Mir, abbandonata nel 1999, effettua un rientro controllato nell’atmosfera terrestre e si disintegra sopra l’Oceano Pacifico. Il rientro avviene grazie alla frenata impartita da un veicolo automatico Progress attraccato alla stazione. Alcuni frammenti della Mir, che ha una massa complessiva di 134 tonnellate, cadono nell’oceano senza fare danni.

La stazione conclude così la propria vita operativa, dopo oltre 86.000 orbite terrestri nel corso di 15 anni (il triplo della sua durata prevista), durante i quali ha ospitato 125 cosmonauti e astronauti di 12 paesi, ha accolto l’attracco di 31 veicoli spaziali (compresi 9 Shuttle statunitensi) e di 64 veicoli cargo senza equipaggio e ha ospitato circa 23.000 esperimenti scientifici e medici.

Non sono mancate le disavventure, come un incendio a bordo (1997/02/24) e una collisione con un veicolo di rifornimento Progress (1997/06/25) [2001/03/23 9:00 ora di Mosca; [animazione NASA; ripresa video CNN; foto SSA; NASA].

Mar23-2001_Mir_entre_l%27espace_et_la_Terre_edit.jpg

Mar23-2001_Atlantis-MIR-GPN-2000-001071.jpg

La stazione spaziale russa Mir in orbita e durante un attracco di uno Shuttle nel 1995 (STS-71).

2016/03/22

22 marzo

1951/03/22


Nasce a Baku, in Azerbaigian, Musa Manarov (Musa Chiramanovič Manarov), che trascorrerà un anno a bordo della Mir da dicembre 1987 a dicembre 1988 e volerà di nuovo nello spazio con la missione Soyuz TM-11 nel 1990 [NHO; Spacefacts].


1981/03/22


Decollo da Baikonur della Soyuz 39, che porta nello spazio Vladimir Dzhanibekov e Jügderdemidiin Gürragchaa, primo astronauta della Mongolia, e raggiunge la stazione spaziale sovietica Salyut-6 [Spacefacts].


1982/03/22


Decollo dello Shuttle Columbia per la missione STS-3, con a bordo Jack Lousma e Gordon Fullerton. Per la prima volta il grande serbatoio esterno non viene dipinto di bianco, come era avvenuto per i primi due voli; questo consente di risparmiare circa 272 chilogrammi. La misura verrà adottata per tutti i voli successivi [GA; Eurekalert; SSA].

Mar22-1982_STS-3liftoff.jpeg

Decollo del Columbia (STS-3). Si nota il serbatoio esterno non più dipinto di bianco.


1997/03/22


Massimo avvicinamento alla Terra della cometa Hale-Bopp, che arriva a 1,312 unità astronomiche [NHO].


1995/03/22


Valery Polyakov, cosmonauta e medico, stabilisce il primato di durata di una singola missione spaziale: 437 giorni, 17 ore e 58 minuti, trascorsi in orbita terrestre a bordo della stazione spaziale Mir. Si è offerto volontario. Al suo ritorno a terra, cammina con le proprie gambe dalla capsula Soyuz alla sedia alla quale normalmente i cosmonauti vengono portati tenendoli in braccio; prende una sigaretta a un amico e beve un goccio di brandy. Il suo record è tuttora imbattuto [Spacefacts; Wired Science; Wired].


1996/03/22


Decollo dello Shuttle Atlantis, che porta nello spazio per la missione STS-76 Kevin P. Chilton (comandante), Richard A. Searfoss (pilota), Shannon W. Lucid, Linda M. Godwin, Michael R. Clifford e Ronald M. Sega (specialisti di missione), visitando la stazione russa Mir, dove Shannon Lucid diventa la prima donna statunitense a risiedere a bordo della stazione russa [NASA; NHO; GA].

2016/03/21

21 marzo

1941/03/21


Nasce a Poperinge, in Belgio, Dirk Frimout. Sarà il primo astronauta belga e volerà nello spazio nel 1992 con la missione Shuttle STS-45 per conto dell’ESA come specialista del carico. Per la sua impresa spaziale verrà nominato visconte [NHO; Britannica].


1966/03/21


Viene annunciata la composizione dell’equipaggio primario del primo volo del programma Apollo: Gus Grissom sarà il comandante, Ed White sarà il senior pilot e Roger Chaffee sarà il pilot; l’equipaggio di riserva sarà costituito da McDivitt, Scott e Schweickart [NHO; 1966 Proceedings: Fifty-Seventh Annual Convention of Rotary International, p. 277; Fallen Astronauts, p. 80].


2001/03/21


Atterraggio notturno dello Shuttle Discovery al termine della missione STS-102 di rifornimento della Stazione Spaziale Internazionale [NHO].

2016/03/20

20 marzo

1962/03/20


Il premier sovietico Nikita Khrushchev risponde positivamente alla lettera del presidente degli Stati Uniti John F. Kennedy che invita l’Unione Sovietica a collaborare con gli USA per l’esplorazione pacifica dello spazio [NASA; NASA].


1965/03/20


Rientro della Voshkod 2 sovietica, con a bordo Alexei Leonov e Pavel Belyayev, che atterra in mezzo a un bosco nel cuore della Siberia, 1500 km a ovest del punto previsto. I due sono costretti a trascorrere due notti al gelo prima di essere recuperati dai soccorsi [Air & Space].

2016/03/19

19 marzo

1970/03/19


Primo volo del velivolo sperimentale a fusoliera portante (lifting body) X-24A, pilotato da Jerauld R. Gentry [NHO].

2016/03/18

18 marzo

1957/03/18


Nasce a Stoccolma, in Svezia, Christer Fuglesang (@CFuglesang). Verrà selezionato come astronauta dell’ESA nel 1992 e volerà nel 2006 con lo Shuttle Discovery per la missione STS-116 diretta alla Stazione Spaziale Internazionale, diventando il primo astronauta svedese ed effettuando tre passeggiate spaziali. Tornerà nello spazio nel 2009 con lo Shuttle Discovery per la missione STS-128, raggiungendo la Stazione Spaziale Internazionale ed effettuando altre due attività extraveicolari [ESA; NASA].


1965/03/18


Alexei Leonov compie la prima “passeggiata spaziale” della storia, uscendo dall’abitacolo della capsula Voskhod 2 e stabilendo inoltre un record di quota (475 km). La passeggiata di dieci minuti viene descritta trionfalmente dalla propaganda sovietica, ma Leonov ha rischiato di morire quando la sua tuta si è gonfiata oltre il previsto, diventando rigidissima e facendogli sfilare i piedi dagli stivali e le mani dai guanti, rendendogli impossibile ogni manovra, per cui ha dovuto sfiatare parte dell’aria della tuta, con rischio di embolia o soffocamento [Air & Space].


2016/03/18 21:26 GMT


Decollo della Soyuz TMA-20M, con a bordo i cosmonauti Alexey Ovchinin e Oleg Skripochka e l’astronauta Jeff Williams, destinati alla Stazione Spaziale Internazionale, dal cosmodromo di Baikonur. Williams inizia una missione di sei mesi che lo porterà a essere il nuovo detentore del record statunitense per il maggior tempo cumulativo trascorso nello spazio (oltre 534 giorni) e il primo astronauta statunitense ad effettuare tre missioni di sei mesi sulla Stazione. Questo è l’ultimo volo di un veicolo spaziale della serie Soyuz TMA-M [SSA; CollectSpace].

2016/03/17

17 marzo

1936/03/17


Nasce a Chicago, in Illinois, Ken Mattingly (Thomas K. Mattingly II). Verrà selezionato dalla NASA come astronauta nel 1966 e verrà scelto per il volo lunare di Apollo 13 ma poi rimosso dall’equipaggio 72 ore prima del decollo a causa di un’esposizione alla rosolia; volerà nello spazio con Apollo 16 nel 1972 e vi tornerà con le missioni Shuttle STS-4 (1982) e STS-51C (1985). Il 17 marzo (del 1955) è anche la data di nascita di Gary Sinise, l’attore che interpreterà Mattingly nel film Apollo 13 di Ron Howard [NASA; NHO; IMDB].


1958/03/17


La Marina degli Stati Uniti lancia il satellite Vanguard 1, che è il quarto satellite mai lanciato e diventerà il veicolo spaziale più antico ancora in orbita [NASA; NHO].

1992/03/17 11:54 IT


La Soyuz TM-14 decolla da Baikonur per portare alla stazione spaziale Mir Alexander Viktorenko, Alexander Kaleri e Klaus-Dietrich Flade e per riportare sulla Terra Sergei Krikalyov, rimasto bloccato a bordo della stazione per quattro mesi più del previsto dalla dissoluzione dell’Unione Sovietica. Il lancio è il primo dell’era post sovietica: Baikonur non è più in Unione Sovietica ma nello stato indipendente del Kazakistan; Kaleri e Viktorenko sono i primi cosmonauti a volare non più come sovietici, ma come russi; e Flade è un astronauta tedesco, per il cui volo sono stati pagati 40 milioni di marchi [GA; SSA].


2011/03/17


La sonda spaziale statunitense MESSENGER (MErcury Surface, Space ENvironment, GEochemistry, and Ranging) diventa la prima a entrare in orbita intorno a Mercurio [Johns Hopkins].


2013/03/17


Un meteoroide di circa 40 centimetri di diametro e del peso di circa 40 chilogrammi colpisce la Luna alla velocità di circa 90.000 km/h, creando un’esplosione visibile a occhio nudo dalla Terra che viene registrata dai telescopi che osservano costantemente la Luna [video; cratere].

2016/03/16

16 marzo

1926/03/16


Robert Goddard, uno dei padri della missilistica moderna, lancia il primo razzo a propellente liquido che riesce a volare con successo [ESA; Space.com].


1926/03/16


Nasce a Creston, in Iowa, Walter Cunningham. Verrà selezionato dalla NASA come astronauta nel 1963 e volerà nello spazio nel 1968 con la missione Apollo 7, la prima dopo la tragedia di Apollo 1 che costerà la vita ai tre membri dell’equipaggio. Cunningham, insieme a Wally Schirra e Donn Eisele, orbiterà intorno alla Terra per undici giorni, usando una capsula molto simile a quella di Apollo 1 e non ancora del tutto modificata per evitare che si ripeta l’incendio a bordo di Apollo 1. Il volo di Apollo 7 stabilirà il record dell’epoca per la più grande massa portata in orbita e resterà il volo di collaudo più lungo di qualunque nuovo veicolo spaziale [NASA; NHO; NASA].

Mar16-1926_notrealdate_walt-cunningham.jpg

Walt Cunningham all’epoca della missione Apollo 7 [NHO].


1959/03/16


Nasce a Flint, in Michigan, Michael J. Bloomfield. Verrà selezionato dalla NASA come astronauta nel 1994 e volerà nello spazio nel 1997 come pilota dello Shuttle Atlantis (STS-86), nel 2000 come pilota dello Shuttle Endeavour (STS-97) e nel 2002 come comandante della missione STS-110 dello Shuttle Atlantis [NASA; NHO; Spacefacts].


1966/03/16


Lancio della Gemini 8, che viene lanciata da un razzo Titan 2 e porta in orbita terrestre Neil Armstrong e David Scott. Per entrambi è il primo volo nello spazio. La Gemini 8 effettua il primo attracco (docking) fra due veicoli spaziali in assoluto, raggiungendo e agganciando un veicolo senza equipaggio Agena lanciato meno di due ore prima.

L’attracco, effettuato da Armstrong, è un successo totale: i due veicoli stanno viaggiando a 28.900 km/h, ma le manovre orbitali sono talmente precise che la velocità relativa è di soli 8 centimetri al secondo. Scott annuncia con entusiasmo l’attracco: “Abbiamo attraccato! Sì, è veramente liscio come l’olio!” (“We are docked! Yes, it’s really a smoothie!”). Un’altra tappa significativa della corsa verso la Luna è stata completata.

La Gemini 8 entra in una zona dell’orbita nella quale non c’è contatto radio con il Controllo Missione, come previsto, ma quando ne riemerge le parole di Scott hanno tutt’altro tono: “Qui abbiamo un problema serio” (“We have a serious problem here”). A insaputa degli astronauti, un motore di manovra della loro capsula è andato in avaria e la sua spinta sta facendo ruotare su se stessi i due veicoli agganciati.

Sospettando erroneamente che la rotazione imprevista sia causata dal veicolo Agena, i due astronauti si sganciano da quest’ultimo, ma in questo modo riducono la massa del sistema sul quale agisce il motore malfunzionante e quindi la rotazione non fa che aumentare, arrivando a un giro al secondo, con il rischio che gli astronauti si disorientino e in poco tempo perdano i sensi.

Neil Armstrong spegne l’intero impianto dei motori di manovra e usa poi i motori di manovra di rientro per riprendere il controllo della Gemini 8. Questo risolve l’emergenza, ma consuma circa il 75% del propellente disponibile per effettuare il rientro e quindi il Controllo Missione decide di ordinare un rientro anticipato rispetto al piano di volo.

La Gemini 8 ammara, dopo aver effettuato un’altra orbita, a circa 1000 km a sud di Yokosuka, in Giappone. Armstrong e Scott attendono i soccorsi per tre ore, tormentati dal mal di mare ma sani e salvi. L’emergenza felicemente risolta dimostra la capacità degli astronauti e dei tecnici a Terra di gestire gli imprevisti. La prontezza di reazione di Armstrong cementa la sua reputazione fra gli astronauti e contribuirà non poco alla sua selezione per le missioni lunari; anche Scott andrà sulla Luna [NASA; GA].

Mar16-1966_Gemini8.jpg

Decollo del vettore Titan con la capsula Gemini 8.


1975/03/16


La sonda statunitense Mariner 10 effettua il suo terzo e ultimo passaggio ravvicinato intorno a Mercurio, rilevando il campo magnetico del pianeta [NHO].


1978/03/16


Rientrano sulla Terra dalla stazione spaziale sovietica Salyut 6 i cosmonauti Yuri Romanenko e Georgi Grechko. Stabiliscono il nuovo record di durata di una singola permanenza nello spazio: 96 giorni. Verso la fine della missione Romanenko ha iniziato ad avere un fortissimo mal di denti, ma non c’erano antidolorifici a bordo e quindi ha dovuto sopportare il dolore. Il padre di Grechko è morto durante la missione, ma Romanenko decide di non dirlo a Grechko fino al ritorno sulla Terra [Almanac of Soviet Manned Space Flight, 1990; SSA; Astronautix].

2016/03/15

15 marzo

1932/03/15


Nasce a Wheeler, in Texas, Alan Bean. Verrà selezionato dalla NASA nel 1963 e sarà pilota del modulo lunare della missione Apollo 12, che nel 1969 lo porterà a camminare sulla Luna insieme a Pete Conrad. Tornerà nello spazio nel 1973 per trascorrere 59 giorni a bordo della stazione spaziale statunitense Skylab insieme a Owen Garriott e Jack Lousma. Al termine della propria carriera da astronauta diventerà un pittore a tempo pieno, dipingendo quadri dei luoghi cosmici che ha visitato [NASA; NHO].


1968/03/15


Primo volo planato di collaudo del velivolo a fusoliera portante (lifting body) HL-10, che contribuirà alla progettazione dei veicoli spaziali destinati al rientro in atmosfera [NASA].


1972/03/15


La NASA annuncia ufficialmente che lo Shuttle sarà il suo prossimo veicolo spaziale per equipaggi [Liz Suckow].

Mar15-1972_shuttle.jpg

La configurazione dello Shuttle secondo i progetti del 1972. Si nota il numero molto elevato di membri d’equipaggio. Credit: Up-ship.com.


1986/03/15


L’equipaggio della Soyuz-T15 attracca alla stazione spaziale sovietica Mir e diventa il primo a vederla in orbita [SSA].


2009/03/15


Decollo della missione Shuttle STS-119: la Discovery porta nello spazio sette astronauti (Lee Archambault, comandante; Tony Antonelli, pilota; Joseph Acaba, John Phillips, Steve Swanson, Richard Arnold e Koichi Wakata, tutti specialisti di missione; Wakata è un astronauta dell’agenzia spaziale giapponese JAXA) e l’ultimo segmento di traliccio (truss segment), denominato S6, e l’ultima coppia di pannelli solari per proseguire l’assemblaggio della Stazione [NASA; SSA; NASA].


2013/03/15


Atterraggio della Soyuz TMA-06M, che riporta a Terra il cosmonauta russo Oleg Novitskiy (comandante), Evgeny Tarelkin (ingegnere di volo) e l’astronauta statunitense Kevin Ford dopo una permanenza a bordo della Stazione Spaziale Internazionale di 142 giorni, ai quali si aggiungono i due giorni di viaggio in orbita per raggiungere la Stazione [SSA; NASA; NASA; Spacefacts].

2016/03/14

14 marzo

1835/03/14


Nasce a Savigliano, nel Regno di Sardegna, Giovanni Virgilio Schiaparelli. Diventerà astronomo e senatore del Regno d’Italia; il suo nome verrà legato soprattutto al suo studio di Marte, che secondo le sue osservazioni durante l’opposizione del 1877 risulterà avere delle strutture lineari che denominerà canali e che verranno tradotte in inglese erroneamente come canals (ossia “canali artificiali”), alimentando l’idea, allora assai diffusa e sostenuta da astronomi celebri come Percival Lowell, che Marte sia abitato da forme di vita intelligenti e tecnologicamente progredite (mentre Schiaparelli sosterrà che si tratti di canali naturali).

Si scoprirà in seguito che i “canali” sono un’illusione ottica dovuta alle condizioni osservative estreme. Schiaparelli morirà a Milano il 4 luglio 1910 a 75 anni [Smithsonian; Senato.it].


1934/03/14


Nasce a Chicago, in Illinois, Eugene A. Cernan. Verrà selezionato dalla NASA come astronauta nel 1963 e volerà nello spazio per la prima volta nel 1966 insieme a Tom Stafford con la missione Gemini 9, diventando il secondo americano a effettuare una passeggiata spaziale.

Tornerà nello spazio come pilota del modulo lunare di Apollo 10 nel 1969, scendendo fino a circa 15 km dalla superficie della Luna insieme a Stafford (mentre John Young attende in orbita lunare).

Volerà una seconda volta verso la Luna, stavolta per atterrarvi, nel 1972 con la missione Apollo 17, effettuando il primo decollo notturno di un equipaggio spaziale (insieme a Harrison Schmitt e Ron Evans), stabilendo il record di durata delle attività extraveicolari sulla Luna (22 ore e 6 minuti) e il record di quantità di campioni lunari riportati sulla Terra (circa 115 kg) e diventando l’ultimo essere umano a camminare sulla Luna.

Cernan totalizzerà 566 ore e 15 minuti di volo spaziale, 73 delle quali saranno trascorse sulla Luna [NASA].


1963/03/14


Nasce a Madrid Pedro Duque (@astro_duque). Verrà selezionato nel 1992 come astronauta dell’ESA e volerà nello spazio nel 1998 con la missione Shuttle STS-95 e nel 2003 con la Soyuz TMA-3 [ESA; ESA].


1967/03/14


Nasce a Pittsburgh, in Pennsylvania, Mike Fincke (Edward Michael Fincke, @AstroIronMike). Verrà selezionato come astronauta nel 1996 e volerà nello spazio nel 2004 a bordo della Soyuz TMA-4, trascorrendo sei mesi a bordo della Stazione Spaziale Internazionale, nel 2008 a bordo della Soyuz TMA-13, vivendo altri sei mesi sulla Stazione, e nel 2011 a bordo dello Shuttle Endeavour per la missione STS-134.

In totale Fincke accumulerà 381 giorni di volo spaziale e 48 ore e 37 minuti di passeggiate spaziali e nel 2011 sarà detentore del record cumulativo statunitense di permanenza nello spazio (successivamente superato) [NASA; Space.com].


1986/03/14


La sonda Giotto dell’ESA passa vicino alla Cometa di Halley, raggiungendo una distanza minima di 596 chilometri, e riprende le prime immagini del nucleo di una cometa [SFN; ESA].

Mar14-1986_giotto-comet-closeup.jpg

Il nucleo della Cometa di Halley visto dalla sonda europea Giotto.


1995/03/14


Decollo della Soyuz TM-21 con a bordo i cosmonauti Vladimir Dezhurov e Gennady Strekalov e Norman Thagard, il primo astronauta statunitense ad andare in orbita su un veicolo spaziale russo e a raggiungere la stazione spaziale russa Mir, dove stabilirà un nuovo record statunitense di durata per una singola missione (115 giorni). Thagard rientrerà a bordo di uno Shuttle [NASA; NASA; SSA].


2016/03/14


La sonda europea ExoMars decolla da Baikonur a bordo di un razzo russo Proton-M. Il suo obiettivo è far atterrare su Marte il modulo d’atterraggio Schiaparelli il 19 ottobre 2016, mentre il resto della sonda entra in orbita intorno a Marte, e poi determinare se le emissioni di metano sul pianeta sono prodotte da forme di vita di tipo microbico. ExoMars è il veicolo più pesante mai lanciato finora verso un atterraggio su Marte [ESA].

2016/03/13

13 marzo

1781/03/13 - Herschel scopre Urano


L’astronomo britannico William Herschel scopre il pianeta Urano. In realtà il pianeta era già stato osservato varie volte da altri astronomi sin dal 1690 ma era stato scambiato per una stella. Herschel, nel corso di una campagna di osservazione di tutte le stelle fino all’ottava magnitudine, ne nota una che gli sembra differente e nel giro di un anno dimostra che quell’astro ha in realtà un’orbita planetaria a una distanza diciotto volte superiore a quella tra la Terra e il Sole. Il nuovo pianeta prende nome dal padre di Saturno nella mitologia romana [Smithsonian].


1855/03/13 - Nasce l'astronomo Percival Lowell


Nasce a Boston Percival Lowell. Affascinato sin da giovane dall’astronomia, la notizia della scoperta dei “canali” di Marte da parte dell’astronomo italiano Giovanni Schiaparelli lo entusiasma al punto da spingerlo a usare le proprie ingenti risorse finanziarie per costruire a Flagstaff, in Arizona, un osservatorio personale di prim’ordine, in modo da essere pronto per l’opposizione (momento di minima distanza) di Marte nel 1894. Le sue osservazioni lo porteranno ad annunciare la scoperta di canali artificiali e di oasi sul pianeta, realizzate a suo dire da una civiltà in agonia.

L’annuncio avrà una risonanza mediatica enorme, amplificata da tre suoi libri e da articoli sui giornali, nonostante lo scetticismo degli altri astronomi, che non riusciranno a scorgere tutti i dettagli descritti da Lowell. In effetti Lowell sarà vittima della naturale tendenza del cervello a creare dettagli dove non ci sono: i suoi presunti canali non esistono, come verrà confermato successivamente dalle missioni Mariner nel 1965 e nel 1972.

Dal 1905 Lowell si dedicherà anche alla ricerca di pianeti oltre l’orbita di Urano e Nettuno: morirà il 12 novembre 1916, a 61 anni, ma la sua caccia al “Pianeta X” proseguirà grazie a un lascito ingente (contestato dalla vedova), finché nel 1930 l’astronomo Clyde Tombaugh, dipendente dell’osservatorio Lowell, scoprirà nelle fotografie astronomiche un nuovo corpo celeste orbitante intorno al Sole, che verrà chiamato Plutone in seguito a un sondaggio popolare perché il mondo gelido e lontano richiamava il cupo rifugio del dio greco degli inferi. Il simbolo scelto per Plutone includerà le lettere P e L, iniziali di Percival Lowell [Smithsonian; Space.com].


1930/03/13 - Annunciata la scoperta di Plutone


Clyde Tombaugh annuncia la scoperta di Plutone [Smithsonian; Space.com].


1968/03/13 - L'URSS avvia l'addestramento lunare


L’Unione Sovietica approva formalmente l’addestramento di cosmonauti per delle missioni destinate ad orbitare intorno alla Luna e ad atterrarvi.


1969/03/13 - Ritorno di Apollo 9


Ammaraggio di Apollo 9 nell’Oceano Atlantico alle 17:00:54 UT (12:00:54 p.m. EST), al termine di una missione durata 241 ore e 54 secondi. Il modulo di comando Gumdrop ammara in vista della nave di recupero USS Guadalcanal, a 180 miglia a est delle Bahamas. Oggi si trova presso il San Diego Aerospace Museum in California [NASA; NASA; NHO].


1986/03/13 - Decollo di Soyuz T-15


Partenza della Soyuz T-15 con il primo equipaggio verso la Mir e poi verso la Salyut 7; sarà la prima (e finora unica) missione spaziale a visitare due stazioni spaziali. È il primo lancio di un equipaggio di qualunque nazione dopo il disastro del Challenger statunitense. La Mir verrà attivata per la prima volta, mentre la Salyut 7 verrà riavviata dopo una lunga inattività e verrà utilizzata per fornire componenti che verranno successivamente installati sulla Mir [Space.com; GA].


1986/03/13 - Ritrovati i resti dell'equipaggio del Challenger


Vengono ritrovati i resti dell’equipaggio dello Shuttle Challenger, a circa trenta metri di profondità nell’Oceano Atlantico [GA].


1989/03/13 - STS-29R: decollo del Discovery


Lancio dello Shuttle Discovery per la missione STS-29R che porta il satellite TRDS-D [SSA].

2016/03/12

12 marzo

1963/03/12


Nasce a Indiana, in Pennsylvania, Patricia Roberts (Patricia Consolatrix Hilliard Robertson). Diventerà medico degli astronauti statunitensi e pilota acrobatica e verrà selezionata dalla NASA come astronauta nel 1998 e assegnata a una missione Shuttle nel 2002, ma morirà il 24 maggio 2001, a 38 anni, per le ferite subite nello schianto di un aereo privato sperimentale, mentre era astronauta di supporto per l’equipaggio della Expedition 2 in corso in quel momento [NASA; NASA; NHO; Post-Gazette].


1981/03/12


Victor Savinykh, a bordo della Soyuz T-4, diventa il centesimo essere umano a volare nello spazio. Insieme a lui c’è Vladimir Kovalyonok; entrambi saranno gli ultimi a visitare la stazione Salyut-6 [New Scientist, 1981; GA; SSA; Spacefacts].


1989/03/12


Lancio dello Shuttle Discovery per la missione STS-29, la ventottesima del programma Shuttle [GA].


2002/03/12


Atterraggio notturno dello Shuttle Columbia al termine della missione STS-109, durante la quale è stata effettuata la quarta manutenzione del telescopio spaziale Hubble [SSA].

2016/03/11

11 marzo

1960/03/11 - Decollo di Pioneer 5


Lancio della sonda Pioneer 5, che verrà inserita in un’orbita eliocentrica fra la Terra e Venere ed effettuerà la prima mappatura del campo magnetico interplanetario, confermandone l’esistenza fino a quel momento soltanto ipotizzata. La sonda ha a bordo il primo sistema di telemetria digitale usato operativamente su un veicolo spaziale statunitense (64 bit/secondo di capacità massima). Resterà in contatto con la Terra fino al 26 giugno, alla distanza record di 36,2 milioni di chilometri [NASA].

Mar11-1960_pioneer_5-browse1.jpg

Pioneer 5 durante i collaudi a terra prima di partire.


2001/03/11 - Nuovo record di durata di un'EVA


Gli astronauti statunitensi Susan Helms e Jim Voss stabiliscono il nuovo record di durata di una passeggiata spaziale: 8 ore e 56 minuti [NASA; NASA].


2008/03/11 - STS-123: Decollo di Endeavour


Decollo dello Shuttle Endeavour per la missione STS-123, che porta alla Stazione Spaziale Internazionale il modulo abitativo giapponese Kibo e il robot esterno canadese Dextre [SFN].

2016/03/10

10 marzo

1948/03/10


Il pilota collaudatore della NACA Herbert H. Hoover diventa la prima persona non militare a volare più veloce del suono, pilotando un aereo-razzo Bell X-1 [NHO; Smithsonian].


1961/03/10


Nasce in Iowa Laurel Blair Salton Clark. Verrà selezionata dalla NASA nel 1996 e volerà nello spazio nel 2003 con la missione STS-207 dello Shuttle Columbia. Morirà durante il rientro da questa missione, insieme a tutto l’equipaggio, quando il Columbia si disintegrerà a causa di una breccia nell’ala, prodotta durante il decollo [NASA; NHO; Arlington Cemetery].


1967/03/10


La sonda DODGE (DoD Gravity Experiment) riprende la prima immagine a colori della Terra dallo spazio [APL; NASA].


1977/03/10


L’osservatorio volante Kuiper Airborne Observatory scopre per caso l’esistenza degli anelli di Urano. Ulteriori dettagli verranno poi osservati dalla sonda Voyager 2 nel 1986 e dal telescopio spaziale Hubble nel 2005 [Harvard.edu; Hubblesite].


1978/03/10


Rientro sulla Terra della Soyuz 28, di ritorno dalla stazione spaziale Salyut 6, con i cosmonauti Aleksei Gubarev e Vladimir Remek. Remek, cecoslovacco, è il primo essere umano non russo e non statunitense ad aver volato nello spazio [13:45 GMT; NASA; Spacefacts].


1979/03/10


Dopo quattro anni di costruzione, il primo Shuttle abilitato al volo spaziale, battezzato Columbia, effettua il primo volo atmosferico di prova, trasportato da un Boeing 747 appositamente modificato. Ancora prima che decolli, migliaia di piastrelle (sia temporanee sia definitive) del rivestimento protettivo si staccano e il volo viene interrotto [NSF].


2014/03/10


Rientro sulla Terra di Oleg Kotov, Sergey Ryazanski e Michael Hopkins di ritorno da 167 giorni trascorsi a bordo della Stazione Spaziale Internazionale [SSA; NHO].

2016/03/09

9 marzo

1934/03/09 - Nasce il cosmonauta Yuri Gagarin


Nasce a Klushino, a circa 160 km a ovest di Mosca, Yuri Alexeyevich Gagarin. Nel 1961 diventerà il primo essere umano a volare nello spazio [Russian Archives].


1996/03/09 - Due italiani insieme nello spazio


Rientro della missione Shuttle STS-75 (Columbia), che ha a bordo due astronauti italiani: Maurizio Cheli e Umberto Guidoni [Astronautica; ASI].


2008/03/09 - ATV, primo attracco europeo


Primo lancio di un ATV, veicolo europeo di rifornimento della Stazione Spaziale Internazionale: l’ATV-1, battezzato Jules Verne, decolla a bordo di un vettore Ariane 5 e trascorre vari giorni nello spazio prima di attraccare alla Stazione per verificare il funzionamento di tutti i sistemi e collaudare le manovre di emergenza anticollisione. L’attracco vero e proprio, al modulo russo Zvezda della Stazione, avverrà il 3 aprile 2008.

La particolarità dell’ATV è la sua capacità di effettuare l’attracco in modo automatico: è il primo veicolo europeo in grado di farlo. Dopo il trasbordo del carico, l’ATV-1 verrà sganciato il 5 settembre 2008 per disintegrarsi nel rientro in atmosfera il 29 settembre 2008 [ESA].


2011/03/09 - STS-133: ultimo volo dello Shuttle Discovery


Atterraggio dello Shuttle Discovery, al termine della missione STS-133, che è il suo trentanovesimo e ultimo volo [Smithsonian].

2016/03/08

8 marzo

1618/03/08


Johannes Kepler scopre la sua terza legge di moto dei pianeti, migliorando il modello eliocentrico copernicano [NHO].


1979/03/08


Debutto in pubblico del primo Shuttle operativo, il Columbia, che viene trasportato su strada da Palmdale alla base militare Edwards. Lo Shuttle Enterprise era già stato presentato nel 1976, ma si trattava di un esemplare per i test di planata, incapace di raggiungere lo spazio [SSA].


1979/03/08


La sonda Voyager 1 scatta immagini delle lune di Giove per aiutare i controllori della missione a determinare l‘esatta posizione della sonda. In una di queste fotografie l’ingegnere di navigazione Linda Morabito scorge accanto alla luna Io una tenue falce, che scambia inizialmente per un altro satellite di Giove; ma dopo aver appurato che in quella posizione non ci sono satelliti deduce con meraviglia che si tratta invece di una nube immensa, alta circa 300 chilometri, che s’innalza dal satellite Io. È il primo avvistamento di un’attività vulcanica al di fuori della Terra. Riesaminando le immagini di Io acquisite nei giorni precedenti verranno trovate altre nubi di origine vulcanica [NASA].

Mar08-1979_Io_Volcanism_Discovery_image.jpg

Due eruzioni in corso su Io l’8 marzo 1979: una è l’alone sul bordo sinistro del satellite, l’altra è la chiazza chiara lungo il confine fra emisfero illuminato ed emisfero in ombra [NASA].


2001/03/08


Decollo dello Shuttle Discovery per la missione STS-102, diretta alla Stazione Spaziale Internazionale per effettuare il primo ricambio di equipaggio dalla Expedition 1 alla Expedition 2 [SSA; GA].


2004/03/08


Su Marte, il veicolo robotico Spirit scatta una fotografia del cielo marziano nella quale si scorge la Terra come fioco, lontanissimo puntino. È la prima immagine della Terra scattata dalla superficie di un altro pianeta [NHO].

Mar08_2004_Spirit-earth.jpg

Il riquadro evidenzia un puntino brillante: la Terra.

2016/03/07

7 marzo

1936/03/07


Nasce a Lewistown, in Montana, Loren Wilber Acton. Volerà nello spazio con lo Shuttle Challenger nel 1985 come specialista del carico per la missione STS-51F/Spacelab 2, per un totale di 7 giorni, 22 ore, 45 minuti e 26 secondi [Spacefacts; NASA; NHO].


1947/03/07


Un razzo V-2 lanciato da un poligono statunitense nel New Mexico raggiunge una quota di oltre 100 miglia (160 km), scatta le prime fotografie della Terra vista da questa quota, alla quale diventa chiaramente visibile la curvatura dell’orizzonte e diventa possibile osservare vaste zone del pianeta a scopo di ricognizione geografica e meteorologica [NHO; NASA].


1962/03/07


Lancio del primo satellite della serie Orbiting Solar Observatory (OSO) [NHO].


1969/03/07


Durante la missione Apollo 9, gli astronauti Jim McDivitt e Russell Schweickart si trasferiscono dal veicolo principale (il Modulo di Comando) al Modulo Lunare (veicolo progettato per scendere sulla Luna dall’orbita lunare e poi tornare alla stessa orbita) e simulano in orbita terrestre le manovre di separazione e riattracco che verranno effettuate intorno alla Luna nelle successive missioni lunari.

È la prima volta che due astronauti volano in un veicolo che non è in grado di rientrare a Terra (il terzo, David Scott, resta a bordo del Modulo di Comando); il ricongiungimento dei due veicoli è il primo attracco fra due veicoli con equipaggio effettuato dagli Stati Uniti (il primo in assoluto è stato effettuato dai sovietici con le missioni Soyuz 4 e Soyuz 5 il 16 gennaio 1969) [
NASA; NASA].

2016/03/06

6 marzo

1927/03/06


Nasce a Shawnee, in Oklahoma, Leroy Gordon Cooper, Jr. Verrà selezionato come astronauta per il progetto Mercury nel 1959 e volerà nello spazio nel 1963 con la capsula Mercury battezzata Faith 7, compiendo 22 orbite intorno alla Terra e concludendo il ciclo di voli spaziali effettuati con questo veicolo.

Cooper tornerà nello spazio nel 1965, con la Gemini 5, diventando così il primo essere umano a volare nello spazio due volte e totalizzando 222 ore nello spazio. Morirà a 77 anni il 4 ottobre 2004 [NASA; NHO].


1937/03/06


Nasce nella regione di Yaroslavl, in Russia, Valentina Tereshkova. Nel 1963 diventerà la prima donna a volare nello spazio; nello stesso anno sposerà un altro cosmonauta, Andrian Nikolayev, e dalla loro unione nascerà poi Elena, la prima figlia di due persone entrambe andate nello spazio [NASA; Roscosmos].


1946/03/06


Nasce a Douala, in Camerun, Patrick Baudry (@patrickbaudry). Diventerà astronauta del CNES nel 1980 e volerà nello spazio nel 1985 a bordo dello Shuttle Discovery per la missione STS-51G, diventando il secondo cittadino francese ad andare nello spazio [NASA; NHO].


1989/03/06


Lancio del primo satellite meteorologico operativo della serie Meteosat, denominato MOP-1/Meteosat-4, da parte di Arianespace [ESA].


1990/03/06


Un SR-71 Blackbird, pilotato dal tenente colonnello Ed Yeilding e dal tenente colonnello J.T. Vida, stabilisce il record di velocità da costa a costa degli Stati Uniti: un’ora, 7 minuti e 53.69 secondi, alla velocità media di 2141.51 miglia orarie (3419 km/h). Nello stesso volo stabilisce anche il record di velocità da Los Angeles a Washington (1 ora, 4 minuti e 19,89 secondi) [SR-71.org].

Mar06-1990_SR-71-1.jpg

Un Blackbird in volo.


2009/03/06


Lancio del telescopio spaziale Kepler, che scoprirà oltre un migliaio di pianeti extrasolari [NHO].

2016/03/05

5 marzo

1982/03/05


Il modulo di atterraggio della sonda sovietica Venera 14 atterra su Venere, dove sopravvive per 57 minuti (quasi il doppio del previsto) alla temperatura infernale (465 °C) e alla pressione atmosferica 94 volte superiore a quella terrestre. Il cappuccio protettivo di una delle fotocamere viene espulso e cade esattamente nel punto del suolo in cui dovrebbe lavorare il sensore di misura della compressibilità del terreno, col risultato che la sonda misura la compressibilità del cappuccio.

Altri dati scientifici, invece, vengono rilevati correttamente: fra l’altro, vengono riprese immagini a colori, viene analizzato il suolo e viene registrato il suono dell’ambiente venusiano [NASA; Mental Landscape; NASA].


Mar05-1982_C_Venera14_New2.jpg

Immagine panoramica del suolo di Venere, ripresa dalla sonda Venera 14 e restaurata dai dati digitali originali [Don P. Mitchell].

2016/03/04

4 marzo

1978/03/04


I cosmonauti sovietici Yuri Romanenko e Georgy Grechko, a bordo della stazione spaziale Salyut 6, stabiliscono il nuovo primato mondiale di durata di una singola permanenza dello spazio, superando quello di 84 giorni, un’ora e sei minuti conseguito dall’equipaggio statunitense della missione Skylab 3 (Carr, Gibson e Pogue) nel 1974 [GA].


1979/03/04


I dati scientifici provenienti dalla sonda statunitense Voyager 1 e raccolti durante il suo passaggio vicino a Giove rivelano l’esistenza di un tenue sistema di anelli intorno al pianeta [NHO; NASA].


1990/03/04


Atterraggio della missione Shuttle STS-36, che trasporta un carico militare segreto per il Dipartimento della Difesa statunitense [NHO].


1994/03/04


Decollo dal Kennedy Space Center dello Shuttle Columbia per la missione STS-62, che porta nello spazio John H. Casper (comandante), Andrew M. Allen (pilota) e Pierre J. Thuot, Charles D. Gemar e Marsha S. Ivins (specialisti di missione) per quasi 14 giorni, effettuando fra l’altro numerosi esperimenti scientifici sulla fascia di ozono intorno alla Terra, sulla saldatura e fusione di metalli e sugli effetti dell’assenza di peso sul corpo umano e provando alcuni componenti del braccio robotico che servirà per la costruzione della futura Stazione Spaziale Internazionale [NASA; SFN].

Mar04-1994_STS-62_marsha_ivins.jpg

L’astronauta Marsha Ivins durante la missione STS-62 [NHO].


2016/03/04


Dopo quattro rinvii, SpaceX riesce a decollare per mettere in orbita il satellite per telecomunicazioni SES-9 in orbita geostazionaria. La messa in orbita ha successo e avviene usando un vettore Falcon 9 caricato di propellente superraffreddato (circa 450 tonnellate di ossigeno liquido a -183°C e cherosene RP-1 a -6°C), il cui primo stadio tenta un rientro e atterraggio sperimentale su un’apposita chiatta nell’Oceano Atlantico.

La chiatta viene raggiunta correttamente, nonostante il profilo di volo molto impegnativo con velocità di rientro superiori alla norma, ma l’atterraggio è troppo violento e il primo stadio non sopravvive all’impatto, come del resto previsto da SpaceX [Elon Musk].

2016/03/03

3 marzo

1946/03/03


Nasce a Warsaw, New York, James C. Adamson. Verrà selezionato come astronauta nel 1984 e volerà nello spazio nel 1989 con la missione militare STS-28 e nel 1992 con la missione STS-43, totalizzando 334 ore in orbita [NASA; NHO].


1949/03/03


Nasce a Sunnyside, nello stato di Washington, Bonnie J. Dunbar (@bonniejdunbar). Volerà nello spazio nel 1985 (STS-61A), nel 1990 (STS-32), nel 1992 (STS-50), nel 1995 (STS-71) e nel 1998 (STS-89), trascorrendo in totale oltre 1208 ore (50 giorni) in orbita terrestre [NASA; NHO].


1949/03/03


Nasce a Cordova, in Alabama, James S. Voss. Inizierà a lavorare al Johnson Space Center nel 1984 a supporto delle missioni Shuttle e verrà selezionato come astronauta nel 1987. Volerà nello spazio cinque volte: nel 1991 (STS-44, Atlantis), nel 1992 (STS-53, Discovery), nel 1995 (STS-69, Endeavour), nel 2000 (STS-101, Atlantis) e nel 2001 (STS-102, Discovery, all’andata e STS-105, Discovery, al ritorno), trascorrendo in totale in orbita terrestre 202 giorni.

Voss parteciperà alle riprese di Space Station 3D, il primo film in 3D girato nello spazio, e nel 2001 condurrà insieme a Susan Helms la passeggiata spaziale più lunga mai effettuata (8 ore e 56 minuti) [NASA; Spacefacts; NHO; NASA].


1959/03/03


Lancio da Cape Canaveral della sonda statunitense Pioneer 4, primo volo spaziale statunitense a raggiungere le vicinanze della Luna, raccogliendo informazioni sulle radiazioni cosmiche. I sovietici hanno già effettuato un volo analogo, Luna 1, alcune settimane prima; per gli americani è il secondo tentativo, dopo il fallimento di Pioneer 3. 

L’obiettivo iniziale è schiantare la sonda sulla Luna, ma Pioneer 4 arriverà a non più di circa 59.000 km dal proprio bersaglio. Il suo segnale radio verrà ricevuto per circa 82 ore, fino a quando la sonda si trova a oltre un milione di chilometri dalla Terra; poi verranno persi i contatti, ma verrà comunque stabilito il nuovo primato di distanza di ricezione di segnali da un veicolo spaziale [NHO; Astronautix; NASA JPL].


1969/03/03


Lancio della missione Apollo 9 per collaudare in orbita terrestre il veicolo lunare completo (modulo di comando, modulo di servizio e modulo lunare) e le procedure di estrazione del modulo lunare, di rendez-vous e di attracco. Il comandante della missione è James McDivitt; il pilota del modulo di comando è David Scott e il pilota del modulo lunare è Russell Schweickart [NASA].


2014/03/03


Muore a 84 anni Bill Pogue, astronauta statunitense. Inizialmente assegnato alla missione lunare Apollo 19 successivamente annullata, fece parte dell’equipaggio della missione Skylab 4, che a febbraio del 1974 stabilì il record (per l’epoca) di permanenza continuativa nello spazio (84 giorni) a bordo della stazione spaziale statunitense Skylab insieme a Jerry Carr e Ed Gibson e fu caratterizzata dal primo grande “ammutinamento” di un equipaggio spaziale [Space.com; NASA].

Mar04-2014_bill_pogue.jpg

Bill Pogue (sottosopra) a bordo dello Skylab.